martedì 7 ottobre 2008

Ma dove stiamo andando?


Il titolo del post non è mio...
E' l'oggetto di una mail che mi è arrivata qualche ora fa.
E' la domanda che si rivolge uno che in quel quartiere da anni ci "butta l'anima"...Che vuole contribuire a piantare quel seme di cui già vi ho detto altre volte.
Le immagini che abbiamo visto hanno il sapore della sconfitta.
E' da quando ho visto il tg, a pranzo, che sono arrabbiatissima e sto cercando di smaltire i nervi prima di scrivere un post...Non volevo usare parole sbagliate, azzardate.
Di fronte alla morte di due giovani ragazzi, certo si è pervasi dallo sgomento, si possono avere reazioni smisurate, ma non questo.
Se penso che dietro quella sassaiola ci possono essere "u tiriscu" o "u mienza quasietta"...Io davvero per un attimo mi faccio prendere dallo sconforto.
Dove stiamo andando?
Me lo chiedo davvero! In che direzione sta andando la nostra azione educativa?
In quartieri come l'Albergheria il "gruppo pietre vive" non basta! Servono le istituzioni. E non m'interessa se sembra ch'io faccia retorica...Il punto è che per quanto la missione, il volontariato...e tutto quello che di bello può animare il cittadino onesto non bastano e questa ne è la prova.
Lo sconforto se n'è già andato e io mi sento più carica di responsabilità di prima.
"
Polizia assassina, bastardi ed infami sarebbero loro, i poliziotti? Quegli stessi che rischiano la vita (sono stati presi a colpi di pietre e molotov!) e fanno gli straordinari per 5 € l'ora!!!!"
Questa è una frase della mail che vi dicevo...

Non si può giustificare l'ingiustificabile, non si può accusare la polizia di aver inseguito due ragazzi a cui era stato intimato l'alt -che non hanno rispettato- perchè erano possibilmente i soggetti di un reato e che poi erano per davvero su un motorino rubato, senza casco e senza assicurazione e che decidono di imboccare la circonvallazione in contromano...
La polizia non è assassina, la polizia ha fatto il suo lavoro.
Assassina è questa società fatta di assassini che scelgono l'illegalità, fatta di genitori che educano nell'illegalità, fatta di giovani vite che imboccano una strada sbagliata.

6 commenti:

Emanuele ha detto...

Ero disgustato anch'io. Oggi al telegiornale non hanno avuto il coraggio di dire le cose in un certo modo e per certi versi han fomentato il dubbio *verso la polizia bastarda*.
Orrendo.
Quelle scritte sono un'offesa verso se stessi, perché non ha senso richiedere un servizio d'ordine che se vede qualcuno scappare deve accendersi una sigaretta e voltarsi le spalle.
Mi chiedo se non sia il caso di tornare con il rullo in mano... il problema è che in questi giorni gli animi in quelle vie saranno molto più che agitate...
Aspettiamo qualche settimana e poi andiamo? ;-)
Ciao,
Emanuele

dudu ha detto...

@Manu: c'è un'altra iniziativa in corso...Appena i miei amici mi spiegano bene, v'informo...
Si tratta di una "contromanifestazione" per sabato pomeriggio quando i tipi dell' "exkarcere" faranno una buffonata contro lo sgombero del sito da parte della polizia, accattivandosi la gente dell'albergheria, quella stessa che ha incendiato tutto...

SILVIA ha detto...

PURTROPPO NON PENSO CHE QUESTA VOLTA I RULLI SERVIRANNO A MOLTO, Nè TANTOMENO UNA CONTROMANIFESTAZIONE ORGANIZZATA CONTRO I 3000 ESPONENTI DEI CENTRI SOCIALI CHE STANNO ANCHE LORO MONOPOLIZZANDO LA MORTE DI QUESTI RAGAZZI!NON SO ANCORA COSA FAREMO...IN QUESTI GIORNI CI INCONTREREMO E DECIDEREMO IL DA FARSI...IO HO IN MENTE QUALCOSA (MA NON SO BENE ANCORA COSA) CHE TOCCHI TUTTI QUEI CENTRI DEL QUARTIERE ALBERGHERIA CHE VOGLIONO (E PER CERTI VERI LO SONO!)ESSERE UN PUNTO DI RIFERIMENTO PER QUESTA GENTE,PER I "NOSTRI" RAGAZZI.
IO PIù CHE RABBIA HO DENTRO UN GRANDE SENSO DI DELUSIONE...MI CHIEDO SE SERVIRà MAI A QUALCOSA IL NOSTRO LAVORO, SE SERVIRANNO I NOSTRI SACRIFICI, FINCHè L'IGNORANZA REGNERà SOVRANA!

dudu ha detto...

No Silvia! La delusione ci può anche stare, ma non puoi chiederti se servirà mai a qualcosa il tuo/vostro lavoro...
I frutti non è detto che sarai tu a raccoglierli e questo ogni educatore lo sa, ma sta' tranquilla che tu sarai stata l'innesto in quella pianta mal nata.
Ne sono certa e se non ci credessi non avrei speso e non spenderei il mio tempo nell'educazione!
Sii fiduciosa e lavora con semplicità e dedizione come sempre...L'ignoranza si contrasta con la cultura e quei bambini di oggi grazie a voi, hanno un minimo di vedute diverse rispetto a quelli di ieri quando voi non c'eravate e domani ancora un pizzico in più e dopodomani ancora di più...;)

PS Sto cercando una cosa che voglio farti leggere...

Mauro Caruso ha detto...

Sono pienamente d'accordo con te, Robi.
E veramente triste vedere tanta insensatezza in questa protesta e vedere certi cavalcarla.
E mi dispiace sentirmi soltanto uno spettatore da qui dove sono.

dudu ha detto...

l'ho trovato quel che stavo cercando...